LABORATORI CONDIVISI

EMERGENZA CORONAVIRUS

Ricerca & Sviluppo

La Hong Kong University of Science and Technology (HKUST) ( www.ust.hk) è un’università di ricerca di livello mondiale che si concentra su scienza, tecnologia e impresa, nonché scienze umane e sociali. HKUST offre un campus internazionale e una pedagogia olistica e interdisciplinare per coltivare laureati con una visione globale, un forte spirito imprenditoriale e un pensiero innovativo. HKUST ha conseguito la più alta percentuale di eccellenti ricerche a livello internazionale nel Research Assessment Exercise 2014 del Hong Kong’s University Grants Committee, ed è classificata come la migliore giovane università del mondo nella classifica Young University Rankings 2019 di Times Higher Education. Sondaggio universitario sull’impiegabilità globale della Grande Cina nel 2019.

SETTORE INDUSTRIALE

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è testata1-1-1024x256.jpg

Le applicazioni tecnologiche

A partire dal modello cibernetico sono state realizzate nell’ambito dei laboratori condivisi numerose applicazioni tecnologiche intelligenti in collaborazione con il settore produttivo nazionale ed internazionale:

  • Sistemi di analisi computerizzata di immagini
  • Sistemi di visione artificiale per non vedenti
  • Sistemi di lavorazione meccanica “autonomi” senza programmazione di traiettoria
  • Sistemi anti-oscillazione per gru portuali
  • Macchine per produzione stents endocoronarici
  • Macchine di controllo ad ultrasuoni per materiali compositi
  • Sistemi di video ispezione customizzati
  • Sistemi di controllo ad ultrasuoni con autoapprendimento di traiettorie
  • Sistemi robotizzati di controllo a correnti indotte di difetti di cerchioni ruota di aerei
  • Etc.

Tutte le attività sopracitate, e quelle successive, ancora “in progress” ,   dal concepimento alla realizzazione di nuove tecnologie, sono state eseguite con particolare attenzione alla tutela ambientale, alla salvaguardia della sicurezza dei lavoratori, della loro salute mentale e conseguente efficienza operativa.  


La nostra attitudine naturale è il perseguimento nel concepimento e realizzazione di sistemi non invasivi per la fabbrica e con la prospettiva di operare in ambienti sani, rispettando innanzitutto l’uomo.

Ai Laboratori Condivisi, insieme ad Enti di Ricerca e Spin-off universitari afferiscono le Aziende con le quali la Si.Mi.Tecno ha rapporti di distribuzione e e di integrazione OEM con le quali ha intrapreso già da tempo diverse azioni comuni nella ricerca, studio, sviluppo e la realizzazione prototipale di sistemi automatici applicabili al settore del controllo dei materiali per uso aeronautico e automobilistico , la formazione, l’addestramento del personale per tutte le suddette attività e quelle collaterali; l’organizzazione, per conto proprio o affidata a terzi, in Italia e all’estero, di manifestazioni scientifiche e culturali, convegni, seminari, workshop, congressi, mostre e simili, per la diffusione e la promozione delle attività svolte e di quelle in itinere.

COSTRUIRE LA MACCHINA OSSERVANDO L’UOMO

La filosofia dei laboratori condivisi concepita e utilizzata nei trascorsi trent’anni dal gruppo “teoria e prassi della conoscenza” coordinato da Antonio Botticelli, ricercatore dell’ENEA-Tib di Frascati ispirata tra l’altro al “costruzionismo sociale” teorizzato da Gregory Bateson, prevede la costruzione della realtà di ciascun individuo/ente/azienda attraverso nuovi linguaggi di comunicazione e processi di interazione, cooperazione e condivisione con altri individui/enti/aziende delle singole risorse culturali, tecnologiche, logistiche, finanziarie con estese opportunità di fruizione della sommatoria di tali risorse che unite alle specifiche competenze intersettoriali consentono di affrontare e risolvere problematiche complesse di qualsiasi natura.

La costruzione della realtà di ciascun individuo/ente/azienda si sviluppa attraverso nuovi linguaggi di comunicazione e processi di interazione, cooperazione e condivisione con altri individui/enti/aziende delle singole risorse culturali, tecnologiche, logistiche, finanziarie con estese opportunità di fruizione della sommatoria di tali risorse che unite alle specifiche competenze intersettoriali consentono di affrontare e risolvere problematiche complesse di qualsiasi natura. La Simitecno per molti anni si è integrata in questa realtà anche e soprattutto nell’ambito di gruppi di lavoro costituiti dall’ENEA intorno a a singoli rami di sviluppo su applicazioni e settori molto diversificati ma che hanno trovato come denominatore comune l’immediato accesso alla conoscenza di “chi sa fare cosa” dotato di volontà consociativa per realizzare progetti altrimenti superiori alle proprie singole possibilità di studio e di esecuzione.